Papa Francesco: “Questi due sono bravi, sono bravi” (video)

07 aprile 2014
Riportiamo il video in cui Papa Francesco racconta la santità di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II spiegando perché ha deciso di canonizzarli nella stessa cerimonia.

 «Giovanni XXIII è un po' la figura del prete di campagna, che ama ognuno dei suoi fedeli e questo l'ha fatto anche come vescovo e come nunzio: pensate ai tanti certificati di battesimo falsi che ha fatto per salvare gli ebrei quando era in Turchia. Aveva un grande senso dell'umorismo. Da nunzio c'era chi in Vaticano non gli voleva molto bene e quando veniva a Roma lo facevano aspettare a lungo. Non si è mai lamentato, recitava il rosario, pregava il breviario. Era un mite. Venti giorni prima che Giovanni XXIII morisse, monsignor Agostino Casaroli era andato da lui per spiegargli com'era andata una sua missione in un Paese dell'Est, la Cecoslovacchia o l'Ungheria, non ricordo bene. E prima che se ne andasse, il Papa gli ha chiesto: "Lei continua ad andare a trovare i giovani carcerati?". Casaroli rispose di sì. "Non li abbandoni mai!". E questo lo diceva a un diplomatico che era andato a riferirgli la sua missione. Giovanni XXIII è un grande, è stato un grande. Poi ha indetto il Concilio. Pio XII pensava di farlo, ma le circostanze non erano mature. Giovanni non ha pensato alle circostanze ma ha seguito lo Spirito Santo. Giovanni Paolo II è stato un grande missionario della Chiesa. Andava, sentiva questo fuoco, è stato un San Paolo. Per questo per me è grande. Canonizzarli insieme è un messaggio alla Chiesa: sono bravi, sono bravi». (Qui il link al testo ufficiale). 

 Di seguito il video: